1

Comunicato di Slow Medicine


Pubblichiamo il comunicato stampa di Slow Medicine sulle ultime novità relative alla sanità italiana e agli interventi che si prospetterebbero.

Comunicato Stampa
SLOW MEDICINE, rete di professionisti e di cittadini che si riconosce in una Medicina Sobria, Rispettosa e Giusta (www.slowmedicine.it), ribadisce quanto già espresso in un suo precedente comunicato circa i contenuti dell’intesa dell’1/7/2015 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano.
In primo luogo manifesta il proprio dissenso nei confronti dell’ennesima riduzione delle risorse per la sanità pubblica: la spesa pro capite per la sanità in Italia è inferiore a quella media dei paesi sviluppati, e i cittadini devono già affrontare di tasca propria molte spese, in particolare per la cura delle persone anziane e di quelle disabili.
Bisogna spendere meglio, non spendere meno, nella sanità italiana.

Si concorda pienamente sulla necessità di aumentare l’appropriatezza clinica e di ridurre l’eccessivo ricorso a molti esami e trattamenti, ma si dissente sul fatto che questo venga imposto per decreto con l’unico fine del risparmio economico e attraverso meccanismi
sanzionatori per i medici.
Slow Medicine da più di due anni ha lanciato e conduce in Italia il progetto “FARE DI PIÙ NON SIGNIFICA FARE MEGLIO”, che è inserito nel movimento Choosing Wisely internazionale.
Questo progetto si caratterizza per una forte assunzione di responsabilità dei medici e degli altri professionisti, che sono chiamati a individuare, su basi rigorosamente scientifiche, esami diagnostici e trattamenti che spesso non sono efficaci e anzi rischiano di provocare
danni ai pazienti, e a impegnarsi per ridurne l’utilizzo, con il fine di migliorare qualità e
sicurezza delle cure e di ridurre gli sprechi.
Il progetto è promosso anche da FNOMVCeO e IPASVI oltre che da molte associazioni di professionisti e cittadini e, con la collaborazione di più di 30 società scientifiche italiane, ha già individuato 110 esami e trattamenti a rischio di inappropriatezza che vengono effettuati in eccesso in Italia. Sono già in atto implementazioni, sul territorio e in ospedali.
L’effettuazione di queste pratiche, però, deve essere decisa volta per volta sulla base dei segni clinici e della storia del paziente e condivisa con il paziente stesso. Non è accettabile che ne venga del tutto preclusa l’effettuazione, né che essa venga regolata per decreto con
meccanismi sanzionatori per i medici: questo rischia di provocare seri danni ai pazienti, di aumentare le spese a carico dei cittadini, e mette in discussione il delicato rapporto di fiducia tra medico e paziente
E’ questa anche la posizione ufficiale di tutto il movimento Choosing Wisely internazionale, in cui sono rappresentati 17 Paesi di tutto il mondo, tra cui USA e Canada, che terrà il suo prossimo incontro a Roma nel maggio 2016.

Il Direttivo di Slow Medicine

26 luglio 2015

Download (PDF, 165KB)




Slow Medicine nel movimento Choosing Wisely Internazionale

Slow Medicine nel movimento Choosing Wisely internazionale
Il progetto italiano FARE DI PIÙ NON SIGNIFICA FARE MEGLIO è ufficialmente parte del Choosing Wisely internazionale che si è costituito nel corso dell’ Roundtable on Choosing Wisely di Amsterdam l’11 e 12 giugno scorsi.
Il luogo dell’incontro era particolarmente suggestivo: il Teatrum Anatomicum del Waag dove Rembrandt ha dipinto il suo famoso quadro “La lezione di anatomia del dottor Tulp”.

Download (PDF, Sconosciuto)

Download (PDF, Sconosciuto)

Download (PDF, Sconosciuto)