1

DUE INIZIATIVE DELLA RETE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE DI MILANO E LOMBARDIA DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE

download1. IL GIORNO 20 GENNAIO ALLE ORE 17 PRESSO LA RETE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE CON SEDE PROVVISORIA PRESSO LA SEDE SINDACALE DELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO – BINARIO 21 SCALA E QUARTO PIANO– SI FARA’ UN INCONTRO PER ORGANIZZARE UN NUOVO CORSO SULLA SALUTE PER IL 2015.

DAL CORSO PRECEDENTE E’ USCITO UN NUMERO DELLA RIVISTA MEDICINA DEMOCRATICA MOLTO RICCO E IMPORTANTE PER SPIEGARE I NODI FONDAMENTALI DELLA ORGANIZZAZIONE SANITARIA DI OGGI, CRITICARE LA SUA DERIVA VERSO IL PRIVATO E PROPORRE ADEGUATE DIFESE E UN’ALTERNATIVA POSSIBILE.
L’IDEA DEL CORSO PER I PROSSIMI MESI – DA DISCUTERE ALL’INCONTRO DEL 20 – E’ QUELLA DI APPROFONDIRE IL SENSO DELLE MISURE “NUOVE” (MA SONO PROPRIO COSì?) CHE STA PRENDENDO LA GIUNTA REGIONALE LOMBARDA. CERCARE DI CAPIRNE I CONTENUTI, VERIFICARE SE NON SIANO NECESSARIE INIZIATIVE DI CONTESTAZIONE, COMUNQUE DI MODIFICA DELLE SITUAZIONI PRATICHE CHE I CITTADINI SI TROVANO OGNI GIORNO DAVANTI. SI TRATTERANNO QUINDI ALCUNI PROBLEMI CERCANDO DI SPIEGARE CHE COSA FARE PER DIFENDERSI.

2. IL GIORNO 27 GENNAIO ALLE ORE 17 PRESSO L’ISTITUTO DI BIOMETRIA E STATISTICA MEDICA DELL’UNIVERSITA’ DI MILANO CON SEDE IN VIA VANZETTI 5, VERRA’ PRESENTATO IL LIBRO:
“ FALSI DI STAMPA” DI ALBERTO GAINO (EDIZIONI GRUPPO ABELE) CHE TRATTA 3 TEMI: L’ ETERNIT,
TELECOM SERBIA, LA STAMINA.
Alberto Gaino è un giornalista giudiziario già de la Stampa che spiega come si può ingannare tramite la stampa e come in questo modo si cambiano le carte in tavola.
SI PARLERA’ SOPRATTUTTO DEL PRIMO E DEL TERZO TEMA. VI E’ STATO RECENTEMENTE IL GIUDIZIO DELLA CORTE DI CASSAZIONE: ”ANNULLATO SENZA RINVIO PER PRESCRIZIONE”.
ORA, AL TRIBUNALE DI TORINO E’ IN CORSO IL PROCESSO CONTRO VANNONI E ALTRI PER TRUFFA E ASSOCIAZIONE A DELINQUERE. ALLO SCOPO, PER RENDERE Più CHIARI GLI ARGOMENTI AGGIUNGO UNA NOTA DELLO STESSO ALBERTO GAINO PER COMPRENDERE MEGLIO DI COSA SI PARLERA’:
“Lo riprendo da giornalista sulle mosse delle associazioni di familiari delle vittime e della procura torinese individuata sin dal 1984 come l’unica in grado di colpire il vertice, ossia Stephan Schmidheiny. E ancora, lo studio di pubbliche relazioni di Guido Bellodi ha curato i dossier su cosa dire e non dire all’opinione pubblica sulla pericolosità dell’amianto. Nei documenti dell’archivio Bellodi ci sono riferimenti anche ai contatti con le gerarchie dei media per stoppare i giornalisti più attivi. Ho invece ricostruito il caso Stamina sotto il profilo della vera professionalità di Vannoni: specialista di comunicazione persuasiva, in questo senso autore di numerosi testi e docente universitario della materia. Sotto questo profilo Vannoni ha costruito la narrazione di una terapia per incurabili e ha sfruttato tutti i limiti dell’informazione offrendole le storie di tanti bambini sfortunati e conquistandosi così una effimera (per fortuna) grande popolarità. Vi sono responsabilità dell’informazione e della politica. Quanto al terzo dossier – Telekom Serbia – la mia è stata un’analisi dell’immenso potere mediatico-politico che ha fatto capo a Berlusconi nel suo ventennio di governo quasi ininterrotto: nel 2003 quel potere consentì ai suoi scherani di cercare di mettere fuori gioco il suo prossimo avversario alle elezioni politiche, il solito Prodi che allora era presidente della Commissione Ue, cercando con la commissione parlamentare di inchiesta su Telekom Serbia e con un vasto appoggio mediatico, di far iscrivere il suo avversario e alcuni notabili del centrosinistra nel registro degli indagati della Procura di Torino per corruzione.”
IL LIBRO VERRA’ PRESENTATO DALL’AUTORE E DAL PRESIDENTE DI MEDICINA DEMOCRATICA PIERGIORGIO DUCA, DALL’AVVOCATO SERGIO BONETTO DEL FORO DI TORINO, DA UN MEDICO DEGLI SPEDALI CIVILI DI BRESCIA E DA QUANTI ALTRI VORRANNO INTERVENIRE.
(Via Vanzetti si raggiunge dalla stazione centrale con la linea MM 2 scendendo alla fermata di Lambrate e da li (Piazza Bottini) immettendosi sulla via Valvassori Peroni fino alla fine della via (400m.) girando a destra ed entrando nel primo portone a destra, quindi nel cortile si intravede di fronte l’aula didattica dove si svolgerà la presentazione).

Per ulteriori informazioni: Fulvio Aurora (3392516050)
Milano, 15 gennaio 2015