La spiritualità per la pace

AmbienteG_316x180_13Lo spettro di una terza guerra mondiale, le crisi ecnomiche ed ecologiche, e lo “scontro di religioni”. Lucio Sibilia e Stefania Borgo, nel capitolo a loro cura del libro “Spiritualità, benessere e pratiche meditative” (Becciu M., Borgo S., Colasanti A.R., Sibilia L. Roma: F. Angeli, 2015), spiegano la visione di ISDE sul cosiddetto “scontro di civiltà” a cui stiamo assistendo in questo momento storico.
Leggi il capitolo.

L’articolo La spiritualità per la pace sembra essere il primo su ISDE.




OGM: Scoppia il caso Roberts

Richard Roberts, vincitore del premio Nobel per la Medicina, ha recentemente rilasciato un’intervista su Repubblica, in cui affronta un tema veramente delicato e molto discusso su tutti i livelli nel nostro Paese, quello degli OGM. Roberts ha affermato che “manipolare le sementi non deve spaventare: sono diecimila anni che in fondo giochiamo a fare Dio. Quasi tutte le battaglie ecologiste sono sacrosante ma su questo tema è l’ideologia a prevalere”, accusando le associazioni ambientaliste di aver dato vita ad una propaganda anti OGM solo per “il potere e i soldi” e scagliandosi soprattutto contro Greenpeace.
“Greenpeace persegue molti altri ottimi obiettivi, ai quali sono assolutamente favorevole. Ma sugli ogm si sbagliano, e lo sanno anche loro. Patrick Moore, ad esempio, che oltre a essere uno dei loro fondatori è anche uno scienziato, se ne è distanziato proprio quando il movimento ha virato su quel genere di campagne politico-ideologiche” ha affermato Roberts che ha continuato: “Io invece mi fido di più del trasferimento di uno specifico gene in condizioni controllate di laboratorio, che non di un trasferimento incontrollato di centinaia di geni avvenuto mediante una selezione casuale “naturale”.
L’articolo e le affermazioni del premio Nobel hanno suscitato molte polemiche e dibattito tra gli esperti del settore, scienziati ed ecologisti che sempre Repubblica ha pubblicato qualche giorno dopo. Segnaliamo una risposta su tutte all’intervento di Roberts che è quella di Pietro Perrino, Dirigente dei Ricerca, già direttore dell’IGV-CNR che ha scritto un interessante articolo dal titolo “Il metodo scientifico della nonna e gli OGM”.
Perrino ha pensato bene di commentare tutte le risposte date del premio Nobel e di pubblicarle, a suo dire “sperando di fare un gradito, anche se modesto, assist a Odifreddi”, il noto matematico e divulgatore scientifico italiano che ha fatto l’intervista a Richard Roberts.
Un articolo tutto da leggere che risposta dopo risposta demolisce le tesi di un premio Nobel.

L’articolo OGM: Scoppia il caso Roberts sembra essere il primo su ISDE.




Emergenza Medica? La risposta è in una App

Emergenza Sorrisi è un’associazione che nasce con l’intento di restituire il sorriso e la speranza di una vita migliore ai bambini affetti da labio-palatoschisi, malformazioni del volto, ustioni, traumi di guerra, neoplasie, patologie ortopediche e oculistiche.

Dalla collaborazione tra Emergenza Sorrisi e altre strutture italiane è nato il progetto Emergenza Medica Online che ha come obiettivo quello di mettere a disposizione delle strutture di prima accoglienza un sistema di risposta medica poli-specialistica attraverso un’attività di telemedicina così da rendersi disponibili a condividere un percorso comune e qualificato a favore del benessere e del rispetto ambientale e della salute.
I primi beneficiari di questo progetto saranno i pazienti che potranno contare su un’assistenza medica specialistica gratuita, in modo da avere una rapida risposta sanitaria. Tutto funzionerà tramite un App, già scaricabile da Google Play Store per tutti gli smartphone e tablet basati su sistema operativo Android e da Gennaio 2016 disponibile anche su Apple Store.

Una volta collegato, tramite la App, il paziente potrà richiedere la consulenza on line dei medici specialisti convenzionati con il progetto che saranno quindi disponibili a ricevere tutte le richieste che giungeranno dai centri di accoglienza e rispondere in tempo reale, esaminando immagini fotografiche o referti Rx.

Per casi clinici di particolare rilevanza si prevede una visita specialistica presso un centro medico ospedaliero che i nostri medici contatteranno, in modo da informare il centro sulla probabile patologia del paziente in questione. Il sistema è dedicato anche ai migranti e richiedenti asilo che vivono da poco nel nostro Paese.

I medici che volessero entrare a far parte del circuito di Emergenza Medica Online devono, allo stesso modo dei pazienti, scaricare l’App dedicata collegandosi agli store e accedere all’area riservata ai medici e specialisti. Dopo aver seguito semplici passaggi all’interno del sistema, potranno offrire la loro assistenza e professionalità a tutti i pazienti registrati nel circuito.

La App di Emergenza Medica Online e questo innovativo circuito di assistenza saranno presentati il 10 febbraio a Montecitorio. Il nuovo e dinamico progetto sanitario fa perno sulla tecnologia e su un sistema di medicina online in cui medico e paziente hanno la possibilità di scambiarsi informazioni, domande o referti in tempo reale e, da oggi, anche digitale.

L’articolo Emergenza Medica? La risposta è in una App sembra essere il primo su ISDE.




6° Giornata in memoria di Lorenzo Tomatis INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: QUALE FUTURO PER LE NUOVE GENERAZIONI IN ITALIA

ISDE organizza  la 6° Giornata in Memoria di Lorenzo Tomatis “INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: QUALE FUTURO PER LE NUOVE GENERAZIONI IN ITALIA”

I POSTI SONO LIMITATI A 120 E L’ISCRIZIONE E’ GRATUITA

L’evento è organizzato da Istituto Superiore di Sanità e Associazione Medici per l’Ambiente – ISDE Italia, con il patrocinio di Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri – FNOMCeO.

Origine della manifestazione
“La società nella quale viviamo, distratta fino alla smemoratezza, sembra non sapere più che per oltre un secolo i lavoratori di molte industrie chimiche e manifatturiere sono state le cavie involontarie per l’identificazione della cancerogenicità di composti chimici….ma le sostanze tossiche e pericolose non cessano di essere tali una volta uscite dalle fabbriche”.
…. “la deliberata spietatezza con la quale la popolazione operaia è stata usata per aumentare la produzione di beni di consumo e dei profitti che ne derivano si è ora estesa su tutta la popolazione del pianeta, coinvolgendone la componente più fragile che sono i bambini, sia con l’ esposizione diretta alla pletora di cancerogeni, mutageni e sostanze tossiche presenti nell’ acqua, aria, suolo, cibo, sia con le conseguenze della sistematica e accanita distruzione del nostro habitat”. L. Tomatis 1987

Scopo e obiettivi
Aria, acqua, terra, i beni essenziali per la vita che già 30 anni fa Lorenzo Tomatis vedeva compromessi a causa di uno sviluppo miope e dissennato da parte dell’uomo, sono l’oggetto di studio e riflessione di questa VI giornata a lui dedicata.
Le centinaia di migliaia di sostanze chimiche immesse nel corso dell’ultimo secolo nell’ambiente sono ormai sistematicamente presenti in quasi tutte le matrici ambientali e non solo ne risulta compromessa la qualità di aria, acqua, suolo, ma la stessa salute umana ne è potenzialmente minacciata.
Scopo della giornata è declinare questi concetti attraverso alcune paradigmatiche realtà italiane, fare il punto sulle condizioni della salute infantile in aree critiche del nostro Paese e delineare possibili strategie di soluzione.
Ci auguriamo che ricordare in questo modo, a distanza di 8 anni dalla sua scomparsa, Lorenzo Tomatis non sia quindi un mero atto celebrativo, ma l’occasione non solo per una riflessione condivisa su temi così cruciali, ma anche per una riscoperta del ruolo della Ricerca e della Medicina, che per Lorenzo Tomatis, non potevano avere altro fine che non quello della “difesa della salute pubblica e della dignità dell’uomo”.

DOMANDA DI ISCRIZIONE

Download (PDF, 44KB)

PROGRAMMA

Download (PDF, 121KB)